Immersioni con gli Scarponi – www.dolomitidizoldo.it è il blog che grazie a (e con) Punto 3 e Dolomiti Project abbiamo realizzato per i Comuni di Zoldo e il Consorzio Turistico Val di Zoldo. Il blog nasce dal progetto Un turismo per il territorio con il territorio in modo partecipato, per parlare del territorio, anzi per raccontarlo, interpellando chi la valle l’ha attraversata e vissuta. Pensato nel luglio 2013, il blog apre i battenti il 24 settembre 2013.

Immersioni con gli Scarponi è il blog che racconta le esperienze di attraversamento della Val di Zoldo in una chiave personale ed emozionale. Gli attraversamenti e i racconti che ne derivano sono di diverso tipo e, in base all’autore, toccano diversi ambiti di interesse (aspetti paesaggistici, alpinistici, geologici, naturalistici, geografici, etnografici, storici ecc). Vuole essere un progetto di apertura e approfondimento, che include la partecipazione di blogger locali e blogger esterni.

dal piano redazionale, di Emiliano Oddone, Dolomiti Project

Vuoi perché il blog è basato sulle storie, vuoi perché nel portarlo avanti anche AcquistiVerdi.it è cresciuta come lo fa un personaggio di una favola, mi misuro nel raccontarne gli aspetti più significativi che ci hanno coinvolto, usando storie, film, racconti e un mare di citazioni.

Il teorema di Alì Babà (o dello stupore)

Un fotogramma del film Alì Babà del 1954 con Fernandel.

Un fotogramma del film Alì Babà del 1954 con Fernandel. http://cinehollywood.e-monsite.com/pages/l-age-d-or-du-cinema-francais-1/fernandel.html

Nella storia, di origine persiana, Alì Babà dopo aver pronunciato le magiche parole Apriti, Sesamo!, rimane stupito e ammaliato dalla bellezza dei tesori che trova nella caverna dei ladroni. Lo stupore per le meraviglie e le ricchezze trovate gli riempiono il cuore.

Questo è l’effetto che vogliamo suscitare nei visitatori del blog. Immersioni con gli Scarponi deve raccontare la valle non solo con le parole ma anche e soprattutto con le immagini: scelte, curate, aggiornate in base alla stagione e che arrivino più in fretta delle parole all’emozione. Così, nella homepage, gli articoli sono elencati riportando l’immagine principale associata e non il classico primo paragrafo di testo.

Qui alcune bozze della grafica del blog realizzate da Luca Celi. Le foto prima di tutto!

La regola di Pollicino

pollicino1

http://www.oasidellemamme.it/2011/11/la-favola-di-pollicino-una-buona-terapia-contro-diversita-e-insicurezze/

Nella fiaba di Perrault, il più piccolo dei fratelli, Pollicino, avendo udito per caso la conversazione dei genitori in merito all’imminente abbandono dei figli nel bosco, si riempie le tasche di sassolini bianchi. Il giorno dopo, quando i genitori conducono i figli nella foresta con una scusa, Pollicino lascia cadere i sassolini dietro di sé. Seguendo questa traccia riesce a riportare i fratelli a casa. Il giorno dopo la cosa si ripete… (ma non va altrettanto bene).

La necessità di lasciare delle tracce online, o meglio, di tracciare è fin troppo evidente. L’importante è farlo nel modo più giusto ed efficace. Chiariamoci le idee: Immersioni con gli Scarponi non è il sito ufficiale della Valle, non contiene informazioni turistiche precise, nè calendari od orari per eventi: è uno sguardo diverso sulla Val di Zoldo, sulle sue ricchezze e sulle sue opportunità. Il sito del consorzio www.valdizoldo.net invece è la nostra destinazione finale. Dal blog gli utenti sono invitati a visitare le pagine informative turistiche presenti sul sito del consorzio. Come realizzare tutto questo? Ragionando a ritroso, ecco come.

A partire dagli eventi/iniziative in calendario:

  • sono state costruite le landing page su valdizoldo.net, queste forniscono informazioni dettagliate e raccolgono iscrizioni e contatti
  • è stato sviluppato un piano redazionale, finalizzato alla promozione, che si integra con quello già esistente: articoli speciali, dedicati al racconto degli eventi/iniziative in calendario, corredati da una ben chiara call to action verso valdizoldo.net
  • sono state preparate le campagne online su Google AdWords (studio del testo, ricerca delle parole chiave, ecc… ecc…) specifiche per gli articoli promozionali
  • sono stati preparati i post sulla pagina Facebook di Immersioni con gli Scarponi e in seguito promossi  al target scelto con Facebook Advertising

Ogni click sulla call to action è una conversione misurata con Google Analytics.

Il risultato al momento è buono e con questo metodo riusciamo a misurare l’effettiva capacità del blog di essere un catalizzatore verso il sito ufficiale del consorzio.

La teoria del “mi si nota di più se…”

“Che dici vengo? Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente?” Assomiglia molto a: “Meglio far puntare a quella pagina o a quell’altra? Questo box mi fa più click se lo metto qui o qui in basso? E’ più incisivo questo testo o quest’altro?”. Queste e tante altre fanno parte di quella categoria di domande che Steve Krug nel suo Don’t make me think, ottimo libro sull’usabilità web, riferisce alle controversie religiose. Sono discussioni da cui, in termini poco tecnici: non se ne esce!

Misurare per migliorare è il mantra che (mi) ripeto spesso, soprattutto in tutte quelle occasioni in cui la risposta non è banale e su cui qualsiasi congettura a priori rischia di diventare una perdita di tempo. Meglio agire, provare e misurare. Ciò che ti ha dato il risultato migliore è la risposta giusta. É chiaro: la questione diventa “cosa misurare?”, ma anche in questo caso bisogna aver impostato i giusti obiettivi di conversione e sapere quali metriche osservare.

I nostri principali obiettivi di conversione sono: uscite su valdizoldo.net e iscrizioni alla newsletter. Le pagine, le visite e le parole di ricerca sono tutte viste dalla prospettiva degli obiettivi di conversione. Sulla base di questi risultati il blog si evolve e se necessario cambia forma: spostiamo i box di iscrizione, aggiungiamo pagine e cambiamo categorie.

Un lieto fine (per le PR online)

Chi non conosce la favola delle PR online? La trovate su minimarketing.it il blog di Gianluca Diegoli, maestro di web marketing. L’amaro finale è:

Le digital internet PR erano finalmente state normalizzate, erano diventate come le tanto vituperate vecchie PR. E ottenevano, più o meno, gli stessi risultati.

Mi piace pensare che il nostro blog abbia un finale diverso: i blogger che scrivono non sono semplici righe di database da contattare periodicamente, ma anime che narrano la loto storia personale e, al tempo stesso, comunitaria con la Val di Zoldo. Il gruppo si sta creando e pian piano il nostro lavoro si fa sempre meno necessario. Un po’ come dovrebbe essere per tutte le consulenze, no? 

Chiudo con un bel passaggio, preso dal piano redazionale, che proietta in avanti il progetto e il blog.

La prospettiva potrebbe essere una rete di blogger delle Dolomiti UNESCO con la finalità di promuovere un prodotto creativo davvero sostenibile, economicamente e socialmente, contenuto nell’esperienza emotiva umana, generata dalla magia delle dolomiti e nello specifico da Zoldo.

di Emiliano Oddone, Dolomiti Project

TI E' PIACIUTO QUESTO ARTICOLO? Non perdere i prossimi
Iscriviti alla nostra newsletter

The following two tabs change content below.
Denis Ferraretti

Denis Ferraretti

Ingegnere Informatico e Dottore di Ricerca, si occupa da tempo di web e di tecnologie digitali (in modo più o meno consapevole). Appassionato di amenità moderne, crede che esista un modo diverso e sostenibile per comunicare oggi, usando il web. E' docente a contratto presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Ferrara e amministratore di AcquistiVerdi.it srl.
Denis Ferraretti

Ultimi post di Denis Ferraretti (vedi tutti)